Un pugno nello stomaco

Questo l’ho scritto mercoledì alle 12:28 ma per problemi tecnici lo “riposto” adesso: “Ho appena saputo che Marius verrà operato questo pomeriggio. Al mio compagno di stanza e di sventura  hanno trovato un nodulo ai polmoni all’ultimo controllo. Non potevo ricevere una notizia peggiore… Pare che il nodulo sia piccolo, probabilmente non ci sarà da fare della chemioterapia ma Marius … Continua a leggere

Il terzo controllo: un sospiro di sollievo

  Lunedì (non ho potuto raccontarlo ieri a causa della manutenzione della piattaforma di myblog) ho vissuto una mattinata intensa: sono stato sottoposto agli esami di controllo. E’ la terza volta che avviene dal giorno dell’operazione, il dieci Aprile di un anno fa. TAC al torace, scintigrafia ossea e lastra dell’anca (o di quello che ne rimane, cioè non molto). … Continua a leggere

Io, i desaparecidos, Berusconi e il futuro del blog

  Pochi giorni fa Berlusconi ne ha detta un’altra delle sue: “Di me hanno detto di tutto i signori della sinistra: che sono l’orco di Arcore, che sono come Hitler, che sono come Mussolini, che sono come quel dittatore argentino che faceva fuori i suoi oppositori portandoli in aereo con un pallone, poi aprivano lo sportello via il pallone e … Continua a leggere

La rinascita di Lorenza

Lorenza è la persona di cui ho parlato la scorsa settimana. E’ la ragazza (la carta di identità la definirebbe “signora” ma lei si sente, e dimostra di essere, ben più giovane di quanto non raccontino all’anagrafe) che mi ha scritto per raccontarmi la sua storia e per avere una persona che avesse avuto problemi simili ai suoi con cui … Continua a leggere

La mia storia: La mia prima malattia/2

Il periodo delle cure fu lungo, interminabile. In quei mesi mi ostinai a non radermi i capelli; troppo orgoglioso per farlo. Di quel periodo ricordo poco di ciò che avvenne al di fuori dell’ospedale. Come ho scritto nell’ultimo post le sensazioni provocate dai farmaci le ricordo benissimo ma il resto è come svanito. Non è un caso che io mi … Continua a leggere

La mia storia: La mia prima malattia/1

Mi ammalai a dodici anni; no, non è esatto. Fui operato a dodici anni ma già in quinta elementare ero ammalato pur senza saperlo. Avevo una piccola massa nell’inguine destro, tra l’addome e la gamba. I dottori non capivano. Dopo un anno di visite ed inutili pomate fui operato presso un ospedale pediatrico: pensavano avessi un ematoma. Mi ricordo ancora … Continua a leggere

Tullio

  È un mio grande amico. Lo conosco da circa un anno solamente ma con tutto quello che ha saputo darmi non posso che definirlo così. È uno dei preti dell’ospedale dove ho fatto la chemioterapia. L’ho conosciuto per merito di Giulio. Era il mio primo ricovero e lui pensò che parlare con Tullio mi avrebbe fatto bene. Appena entrò … Continua a leggere

Giulio

Giulio è il caposala del reparto di oncologia dove sono stato ricoverato per i cicli di chemioterapia. Quando entri per essere ricoverato è lui che ti accoglie o con una battuta (la prima volta) o prendendoti in giro (tutte le altre volte). Abbiamo fatto amicizia subito, lui te la offre sempre e io sono stato ben felice di accoglierla. Non … Continua a leggere

Io e il futuro

Ti dicono che sarà un’operazione “importante” ma non ci fai caso, sei preparato e ottimista; sai che non sarà una passeggiata. Ad un mese dall’intervento precisano che l’intervento “importante” comporta il rischio di amputazione della gamba; seppure improbabile il rischio c’è. E ti dicono che dovrai camminare con un bastone per tutta la vita. Al momento è un brutto colpo … Continua a leggere

A proposito della mia forza

Ha cominciato la mia famiglia a dirmelo. Ma dato che “ogni scarafone è bello a mamma sua” non gli ho dato troppo peso; poteva anche essere una forma di incitamento, per trasmettermi coraggio. Poi ci si sono messi anche gli amici più intimi e via via tutti gli altri fino ad arrivare ai commenti sul blog. Amici, conoscenti e sconosciuti … Continua a leggere