Prima i Lombardi

Primailombardi.jpg

Mi sembra giusto. Elezioni regionali in Lombardia, prima di tutto facciamo promesse ai lombardi. Loro vengono prima di tutti. Problema: come si stabilisce chi è lombardo e chi no? Gennaro Esposito di anni 22 nato a Milano da Vito Esposito e Carmela Russo immigrati napoletani e Mohamed Hassan di anni 23 nato a Milano da genitori egiziani e in possesso della cittadinanza italiana sono lombardi? Per me si ma per loro probabilmente no. Mi sa che ti fanno il test della cadrega oppure bisognerà presentare l’albero genealogico. Io non so se posso stare tranquillo… I genitori di mio nonno vengono da Verona. Sempre Padania, quindi fin qui tutto bene. Mia nonna però era marchigiana e su questo credo di essere indifendibile. Mi sa proprio che per la nuova giunta regionale i miei diritti verranno dopo quelli di Giovanni Brambilla, milanese da 20 generazioni. Me ne farò una ragione… Verrò pur sempre prima di Gennaro e di Mohamed!

 

Milano, sede dell’Aler (Azienda Lombarda per l’Edilizia Residenziale)

“Buongiorno, vorrei un modulo di richiesta per essere inserito nelle liste di attesa per le case popolari.”
“Lei è milanese?”
“Certo, sono nato qui 28 anni fa.”
“Ed è stato al mare di recente?”
“Ehm… no, perchè?”
“Perché è un po’ scuretto…”
“Be’ i miei genitori vengono dal Marocco.”
“Ah, ecco! Allora per lei ci vuole quest’altro modulo. Vada pure in fila, lì.”
“Grazie, arrivederci.”

“Buongiorno. Scusatemi è qui che devo fare richiesta per una casa popolare?”
“Si è qui. Aspetti che le do il modulo da compilare.”
“Vi ringrazio.”
“Scusi, lei è di Milano?”
“Si.”
“Sa, il suo accento… Mi sembra napoletano.”
“I miei sono di Castellamare di Stabia.”
“Ah ecco! Allora mi dia il modulo, per lei ce ne è un altro.”
“Vabbuò, grazie.”
“Vede quel ragazzo alto, un po’ scuro di carnagione?
“Si.”
“Vada il fila davanti a lui.”
“Davanti?”
“Si si, davanti, tanto lui è solo Marocchino.”
“Se lo dite voi…”

“Buongiorno.”
“Buongiorno.”
“Ue, mi han dato lo sfratto. A me! El sciur Brambilla Fumagalli. Ma che vaghen tut’ a da’ via il cu’!”
“No, non dica così che risolviamo tutto. E’ qui per mettersi in lista per una casa popolare?”
“Certo, sun minga chi a pettinare le bambole. Ue sbarbato va che mi go de laurà.”
“Tenga questo modulo e vada in quella fila. Vede quei due ragazzi?”
“Si, sun minga cieco!”
“Ecco, gli passi pure davanti.”
“E perché?”
“Sa, sono solo un meridionale e un Marocchino.”
“Chi du’ lì? Un terùn e un baluba?”
“Be’, si. Lei ha la precedenza. Sa, prima i lombardi.”
“Me par giust! Mi sun de Milan da 30 generasiun! El savevi mi!”
“Che cosa?”
“Che fasevi ben a vota’ per el Bossi!”

Manifesto_lega.jpg
Prima i Lombardiultima modifica: 2010-03-30T09:25:00+02:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Prima i Lombardi

  1. Che Italia…da anni ogni volta che metto piede a Milano vengo accolta dai manifesti con scritto Roma ladrona e compagnia bella…
    Sui cartelli dei Comuni c’è applicato l’adesivo Padania.
    Aiuto, purtroppo NON E’ un brutto sogno…:(

Lascia un commento