Al concerto da disabile: una grande serata

Lunedì sera sono stato al Progressive Nation Tour al Forum di Assago per sentire dal vivo il mio gruppo preferito: i Dream Teather. Ma non voglio parlare dei miei gusti musicali quanto della mia prima esperienza da disabile in un evento di questo genere.

Come disabile ho avuto il diritto di portare con me un accompagnatore che ha avuto il suo biglietto gratuito. La procedura per farglielo avere è stata semplice e rapida: è bastato far avere i suoi dati ed una copia di un suo documento agli organizzatori (la liveinitaly) unita ad un documento accertante la mia invalidità.

Abbiamo parcheggiato (gratis) a dieci metri dall’ingresso del Forum. Avvicinandoci all’entrata ci sono venute incontro due persone aprendoci la porta e indicandoci la strada. Arrivati all’interno del palazzetto e trovata l’area allestita per i disabili (una pedana dalla quale poter vedere il concerto comodamente seduti) siamo stati ricevuti dall’addetto a tale area che verificava che tutto fosse a posto. Dato che suonavano più gruppi infatti, tra uno e l’altro ci siamo alzati per andare a mangiare e a fare due passi. Tornando nell’area riservata con le luci già abbassate, l’addetto mi si avvicinava illuminandomi la strada con una pila onde evitare che potessi inciampare con le stampelle.

Sostanzialmente non si è trattato di niente di eccezionale ma mi piace sottolineare qualcosa che nel nostro paese funziona. Sicuramente si può fare di più per i disabili in molti settori, in special modo penso alla circolazione per la strada e ai suoi impedimenti e alle barriere architettoniche in generale, ma per quanto riguarda la facilità di accesso ai grandi eventi come concerti e partite di calcio (appena mi capiterà di andare a San Siro parlerò anche di questo) le facilitazioni sono tante, si viene trattati con i guanti e non ci si sente affatto discriminati.

Scrivo questo post per testimoniare la mia esperienza e per spingere chiunque abbia dei problemi motori a partecipare ad eventi di questo genere perché le facilitazioni e gli aiuti sono tanti e la sensibilità delle persone addette è veramente speciale. Ringrazio la liveinitaly per l’organizzazione e per la bellissima serata che mi ha fatto passare. Ovviamente non posso non estendere i ringraziamenti al mio fido accompagnatore e come dicono i Dream Theater a fine concerto: “Keep the Dream Alive!!!”.

Al concerto da disabile: una grande serataultima modifica: 2009-10-28T19:32:50+01:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “Al concerto da disabile: una grande serata

Lascia un commento