Dove eravamo rimasti

La situazione di Marius e della sua famiglia non è cambiata. Sua mamma è ancora disoccupata. Abbiamo chiarito comunque che un eventuale lavoro trovato da sua mamma non servirà a garantirgli una tessera sanitaria italiana. Le sue cure sono state, e continueranno ad esserlo stando alle informazioni raccolte in Romania da suo papà, pagate dallo stato romeno che provvederà a rinnovargli la tessera sanitaria in Dicembre. Sicuramente fino ad allora non avrà problemi, dopo dipenderà dalla Romania mantenere la parola data.

Per quanto riguarda il suo stato di salute, sta benone. Si prepara ad affrontare il terzo intervento chirurgico in meno di due anni. Dopo quello ortopedico per la rimozione di un osteosarcoma dell’Aprile del 2008 e quello della scorsa primavera per l’asportazione di un nodulo ai polmoni, il chirurgo tornerà a mettere le mani su di lui per asportargli altri due noduli (uno per polmone). Essendo imminente l’intervento, sua mamma ha deciso di sospendere la ricerca di un lavoro per potergli stare vicino anche perché, come detto, un impiego non servirà a garantire le cure al figlio. Quando Marius starà bene riprenderà la ricerca del lavoro, a questo punto non sarà importante se regolare o in nero, l’importante sarà avere uno stipendio perché i soldi che avevano (derivati dalla vendita della casa in Romania) sono terminati.

Voi comunque continuate a cercare!

P.S. Per chi leggesse di questo argomento per la prima volta: cliccando qui è possibile vedere la situazione.

 

Dove eravamo rimastiultima modifica: 2009-10-12T11:26:00+02:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Dove eravamo rimasti

Lascia un commento