Un aiuto per Marius

Venerdì sono stato in ospedale a trovare il mio amico e compagno di “avventure” Marius. Di lui ho già parlato in questi due post:

Storia di Marius

Un pugno nello stomaco

 

Riassumendo: Marius è un ragazzo romeno di 20 anni che, come me, è stato operato per un ostesarcoma nell’Aprile del 2008. Abbiamo condiviso la stanza in ospedale e tante emozioni, frustrazioni, difficoltà, conquiste giornaliere, gioie e dolori. Purtroppo, la scorsa primavera, ha avuto delle metastasi ai polmoni. E’ stato quindi operato con successo per levarle. Questa estate la malattia si è ripresentata nuovamente. Adesso si sta sottoponendo a nuovi cicli di chemioterapia.

Il problema di Marius è che, essendo straniero, per avere un’assistenza sanitaria ha bisogno di un libretto del lavoro o che ne abbia uno sua madre. Al di sotto dei 21 anni, l’assistenza è fornita dallo stato italiano ma compiuti i 21 (succederà il Dicembre prossimo) per continuare ad essere curato sua madre ha bisogno di trovare un lavoro in regola. Lo sta cercando da tempo ma ha avuto solo proposte per dei lavori in nero che non risolverebbero la loro situazione. Il lavoro le servirebbe anche, ovviamente, per aumentare gli introiti familiari dato che da quando Marius si è ammalato 2 anni fa lei ha smesso di lavorare, suo padre lavora come saldatore in Romania (si può immaginare con quale stipendio) e sono ospiti di alcuni parenti qui a Milano.

Scrivo questo post non per parlare delle mie emozioni o di che cosa abbia provato nel visitarlo, lo farò tra qualche giorno probabilmente, ma per chiedere a chi dovesse leggere queste mie parole se conosca qualcuno che possa dare lavoro a sua mamma. Ovviamente è disposta a fare qualunque cosa (badante, donna delle pulizie, ecc.). L’unica condizione è che venga messa in regola. Si tratta di una persona seria e molto dolce che mi è stata molto vicina nei giorni più difficili della mia vita. Posso garantire io per lei (per quanto possa valere la mia parola).Chiunque abbia informazioni utili da darmi può farlo scrivendo a impressionidisettembre@ymail.com.

Vorrei chiudere con questa citazione dal Vangelo secondo Matteo (25,35): “Ero straniero e mi avete ospitato”. Lo stato italiano ha già fatto molto per questa famiglia, facciamo un ultimo sforzo.

 

Un aiuto per Mariusultima modifica: 2009-09-06T12:09:00+02:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Un aiuto per Marius

  1. Mi permetto e forse non dovrei: fatta questa premessa vado al sodo.
    Mi auguro che questo silenzio, all’ultimo post. di Marco, sia dovuto al fatto che tutti gli amici di questo blog siano “impegnati” alla ricerca di un lavoro per la mamma di Marius, e non all’indifferenza dell’argomento, perchè quando passo e vedo: commenti 0, mi si stringe il cuore. Forse ognuno è impegnato nelle proprie faccende e dai propri problemi, ma anche senza un’offerta di lavoro, penso che un tale post meriti qualcosa di più.
    Detto questo saluto tutti e mi riscuso con Marco per avere usato un suo spazio, forse non sarà nemmeno daccordo con quanto ho scritto, ma era più forte di me.
    Un caro saluto
    4P

  2. Eccomi Marco.
    Storia di un certo spessore questa. Non sapevo di questa cosa dei 21 anni. Io qua in radio ho solo annunci di gente che ceraca lavoro e qualche ditta che cerca rappresentanti. Sono annunci che riguardano ditte delle Marche. Possibile che in una città come Milano non ci sia nessuno disposto ad offrire un impiego, anche part time a questa mamma? Qualche istituzione come i sinndacati, la caritas etc., nessuno può aprire una porta? Azz di paese stiamo diventando?

  3. Ciao Marco…ma sei tornato allora…
    Io non ti vedevo da Giugno e ti ho tolto dai ”contatti” in assenza di contatti.
    Mi fa piacere rivederti, come stai?
    Spero bene.

    Quando leggo di storie cosi reali, drammatiche, percepisco l’energia che emana l’umanità. Ogni battito e ogni grido.
    Mi dispiace non poter fare direttamente qualcosa di minimamente utile materialmente, ma posso pregare per loro.
    Un caro saluto.

  4. provato con l’ufficio di collocamento, agenzie interinali? spesso anche le onlus come LILT, AILL o AVAPO che sostengono i pazienti oncologici e i loro familiare possono dare un aiuto… credo qualche buona dritta la possa pure dare LA BANCA DEL TEMPO. Io purtroppo sono ben lontana da Milano e non ho la possibilità di dare un aiuto alla mamma di Marius…

Lascia un commento