Abbattiamo un taboo

Dall’incontro con Livestrong di due settimane fa è emerso la parola cancro è ancora un taboo. Si ha paura a pronunciarla.

Linfoma, cancro, carcinoma papillare, tumore, neoplasia, nodulo, leucemia linfatica, osteosarcoma, linfoma di Hodgkin, sarcoma di Ewing, tumore dell’esofago, liposarcoma, fibrosarcoma, tumore dell’esofago, condrosarcoma, angiosarcoma, mieloma, leucemia mieloide, carcinoma spinocellulare, tumore del polmone, adenocarcinoma, glioblastoma, neuroblastoma, retinoblastoma, sarcoma, melanoma, corioneptilioma, carcinoma mammario, tumore della laringe, concro del colon-retto, ameloblastoma, carcinoma del pancreas, carcinoma dell’utero, tumore cerebrale.

 

Non ci si ammala leggendole o pronunciandole.

 

Abbattiamo un tabooultima modifica: 2009-05-19T09:31:00+02:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Abbattiamo un taboo

  1. Condivido perfettamente , il cancro devi chiamarlo con il suo nome altrimenti ti uccide…
    Tuttavia dopo un anno e mezzo i miei genitori non riescono ancora a dirlo, si limitano ad affermare ” quando stavi poco bene ….ed io: quando ho avuto il cancro vuoi dire !!! ”
    La forza delle parole ha un impatto enorme con la nostra mente basti pensare all’uso che se ne fa nella preghiera (caso ovviamente opposto ).
    Ma esorcizzare le proprie paure sembra che sia ancora il rpoblema principale….
    Buon lavoro a tutti noi !!
    Lorenza

  2. Anche io mi sento harry potter quando dice voldemort e tutti rabbrividiscono. pensa che quando mi hanno spiegato la diagnosi, nessuno (c’erano 4 medici davanti a me + 1 psicologa) ha usato la parola tumore/cancro. Io avevo capito benissimo, ma fuori dalla stanza, a mio marito ho comunque chiesto, per essere sicura al 100%: “si tratta di cancro, vero?”
    Non capisco la paura delle parole, ma tutti, tutti, tutti intorno a me hanno il terrore di nominare la malattia. E questa cosa è una sorta di violenza in senso privativo. Posso anche capire che gli altri abbiano bisogno di difendersi dalla paura per me, ma non viene mai in mente a nessuno che guardare in faccia la realtà sarebbe più dignitoso e rispettoso per la vita che faccio? Sono circondata di persone che mi vogliono bene, ma passano il tempo a fare finta di niente. E’ una palla, ma per fortuna non è la mia vita.

  3. Ciao Marco.
    Questo post è davvero un colpo duro, ma giusto, davvero giusto.
    Chissà quando l’avremo vinta per sempre, almeno su questa minaccia…chissà cosa davvero si sta facendo nell’ambito della ricerca.
    Chissà le case farmaceutiche che ruolo effettivo hanno…

    P.S:Non abbiamo nemmeno condiviso l’esultanza per lo scudetto!
    Ci siamo già abituati?

  4. verissimo; quando ho dovuto dirlo ai miei, mi sembrava di giocare a taboo: fai indovinare la malattia senza dire cancro, tumore, maligno, chemioterapia, linfoma. Non ha funzionato molto…
    sissi: “devo dirvi una cosa, importante ma non grave..”
    parents: “SEI INCINTA???”

Lascia un commento