Storia di Marius

 

flag_of_romania.jpgMarius è un ragazzo di 19 anni. Poco più di un anno fa si scopre ammalato di tumore: osteosarcoma al femore destro; una malattia rara. Marius però è fortunato, a casa sua, in Romania, lo possono curare. La cura è semplice: chemioterapia e amputazione della gamba, quale altra soluzione per sconfiggere una malattia che ti è penetrata nelle ossa? Tutto sommato gli va bene, se fosse nato in Ghana o in Senegal probabilmente l’unica cosa che avrebbe potuto fare sarebbe stata aspettare la morte. Per sua fortuna invece non è africano e vive in un paese da poco entrato a far parte dell’Unione Europea. Inoltre sua zia vive in provincia di Pavia.

Marius e la sua famiglia decidono quindi di vendere la casa e di  fare i bagagli: destinazione Italia, per quello che è il più classico dei viaggi della speranza. Marius potrà essere curato in due ospedali che rappresentano l’eccellenza in Europa per la cura della sua malattia. L’Istituto Nazionale per la Cura dei Tumori di Milano per la chemioterapia e l’istituto ortopedico Gaetano Pini (reparto C.O.O. – chirurgia ortopedica oncologica -) per l’operazione che gli salverà la gamba.

L’otto Aprile 2008 (due giorni prima del mio intervento) viene operato. Il pezzo di femore malato viene asportato e sostituito in parte con una protesi e in parte con… un pezzo del perone della gamba sinistra; pare sia un osso abbastanza inutile a sentire i chirurghi…

Adesso Marius sta bene, probabilmente non parteciperà alle Olimpiadi ma cammina senza problemi e ha sconfitto una malattia che avrebbe potuto lasciargli segni molto più gravi. Ora vuole finire il liceo in Romania, interrotto ad un anno dalla maturità, per poi tornare a vivere qui dove è stato accolto, curato e restituito alla vita.

(Marius è stato mio compagno di stanza nel momento più difficile della mia vita. Mi limito a dire che, se scrivo queste parole di speranza, un po’ di merito va anche a lui e alla sua dolcissima mamma).

Italia%2C%20Romania%2C%20Europa.jpg

 

Storia di Mariusultima modifica: 2009-01-26T10:40:00+01:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Storia di Marius

  1. Ciao Marco,
    l’australiana mi ha impedito di complimentarmi con te per la coccarda. Lo faccio adesso e lo faccio con molto piacere. Riguardo la storia di Marius, è vero che quasi sempre, l’ambiente fa la differenza e solo pochi riescono a farcela anche a dispetto di questo.

    Buona giornata

  2. buongiorno marco, oggi mi preparo a sostenere un piccolo test che mi darà -se lo supererò- la possibilità di frequentare un corso che a sua volta mi inserirà nel mondo della scuola come…bidella “diplomata”.. sembra una sciocchezza, ma sono emozionata e speranzosa: ho tanto bisogno di lavorare perchè ho delle notevoli difficoltà economiche -sò senza na lira-. nonostante tutto sono una persona fortunatissima, perchè ho una famiglia stupenda, sana; vivo in un paese meraviglioso -anche se potrebbe esserlo ancora di più se fosse ben governato- dove non manca la possibilità di curarsi anche se non hai molto denaro…cos’altro dire se non ringraziare la vita?
    un caro saluto.

  3. Ciao Marco,è salve a voi tutti gli altri che volete aiutarmi,grazie!!!oyy,Marco,che fai? Mi fai piangere(ma nn xche sn arrabbiato) xche sn felice che ho un amico come te è che mi vuoi bene nel questo momento….mi’spiace se ho sbagliato qualche parola!!!salute a tutti!!!

Lascia un commento