Lo zio torna a casa

Finalmente lo zio torna a casa. Dopo più di un mese di ospedale tra intervento al cuore (tre by-pass) e riabilitazione è finalmente pronto per uscire; lo dimetteranno questo pomeriggio.
Andandolo a prendere mia zia, non corre neanche il rischio di rimanere chiuso fuori di casa… Avevo caldamente suggerito a mia zia di cambiare la serrautura, quando le sarebbe ricapitata un’occasione così? Lei ci ha pensato su ma alla fine ha vinto il suo buon cuore e dopo un mese di tranquillità le tocca riaccogliere in casa l’indiscusso scassaballe numero uno della famiglia (io mi piazzo solo al secondo posto).
Scherzi a parte è bello vederlo tornare a casa; ci ha fatti spaventare ma è tutto alle spalle ormai. Adesso è il momento delle belle notizie e del ritorno alla salute, questa famiglia ne ha passate troppe ultimamente.
 
Oggi sarebbe dovuto essere il giorno del commento alla partita dei Galacticos di ieri ma qualche linea di febbre mi ha impedito di esserci; peccato perchè iniziavo a prenderci gusto ad uscire di casa, dopo due partite, un paio di cene tra amici e l’uscita di sabato sera (con qualche problema logistico dovuto alla “carrozzina” da portarsi dietro). Sto tornando alla vita, a fare le cose che mi piacciono. Perchè il quadro sia completo mi mancano un ristorante, un cinema e una partita allo stadio. Vedremo quando sarò in grado di soddisfare queste mie voglie. Per fortuna che ci sono i boxer della vittoria firmati da Max!
 
Non posso non pubblicare una foto dello zio. Anche se datata (ha circa 20 anni) è proprio divertente. Era molti chili fa in versione Costanzo con riporto olimpionico…
Miami%20vice%20e%20Costanzo.JPG

 

Lo zio torna a casaultima modifica: 2008-11-04T12:25:48+01:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Lo zio torna a casa

  1. ciao marco…rispondo al tuo commento sul post del compleanno del mio fanciullo.
    gliel’ho fatto leggere, anzi lo aveva già letto su un biglietto che gli avevo scritto…anch’io sono fortunata, come tua madre…abbiamo dei figli che sono pietre preziose e il bello è che ne conosciamo il loro valore,e non ce lo lasciamo sfuggire.
    penso davvero che non ci sia cosa più bella da realizzare per una madre: sapere di avere svolto bene il ruolo di genitore.
    ce la sto mettendo tutta e, fino ad ora non sta andando male.
    ciao marco, a presto.

Lascia un commento