Io e i Galacticos, seconda parte

La prima vittoria arrivò dopo circa un anno dall’esordio… L’occasione era speciale: la sera della mia festa di laurea, ovviamente rimandata alla settimana seguente per permettermi di andare alla partita. Per me fu una scelta semplice, non mi sarei mai perso la partita e non avrei mai potuto festeggiare senza i miei amici/giocatori. Gli altri lo considerarono un grande gesto.

In seguito arrivarono molte sconfitte, qualche vittoria ma sempre con il piacere di stare insieme tra amici.

Fino ad un anno fa quando la malattia mi ha costretto a stare lontano dal campo avrò saltato forse tre partite. Sono stato il più presente, ho mostrato un grande attaccamento al gruppo e poi, per un appassionato di sport come me, fare l’allenatore è sempre stato uno dei miei sogni! Da bambino, ad esempio, non sognavo di fare l’astronauta ma il giornalista sportivo!

Ho recuperato una chicca che spero faccia felici i giocatori: le pagelle originali (ho solo cambiato i cognomi con i nomi/soprannomi dei giocatori) della prima partita; eh sì perché in qualche modo il giornalista sportivo lo faccio! Come si vedrà, data la pesante sconfitta, fui di manica larga con i voti.

Capitano, voto 7: instancabile, corre per quattro. L’ultimo ad arrendersi, dimostra di meritare la fascia di capitano, riceve pure i complimenti dell’arbitro. SETTE POLMONI

Vanni, voto 5: fuori forma, boccheggia dopo soli 5 minuti costringendo il mister a sostituirlo. Evidentemente sovrappeso, soffre la velocità degli avversari. INGRASSATO

Papà, voto 2: come le parete che fa. Trasmette insicurezza a tutta la squadra prendendo una dozzina di goal (non solo per colpa sua). PENSIONATO

Alpine, voto 5,5: si limita a svolgere il compitino senza infamia e senza lode. Appene esce, comunque, la squadra crolla. SFORTUNATO (e INFORTUNATO)

Dam, voto 6: ha il merito di effettuare l’unico assist della squadra. Tatticamente indisciplinato ma non demerita. POLEMICO

Rob il “puntero”, voto 6+: corre molto, cercando di darsi da fare. Non riesce ad incidere ma dove serve lui c’è. ONNIPRESENTE

Bomber, voto 6,5: segna l’unico goal della squadra, è l’unco a tirare (poco) in porta. Male assistito dalla squadra. ABBANDONATO

Daniele, voto 5: nettamente in ritardo di condizione, timoroso nei contrasti e fuori dal gioco. TIMOROSO

Maurizio, voto 5: non riesce mai ad anticipare l’uomo, soffre la velocità degli avversari come il suo compagno di reparto. Abbandona polemicamente il campo per un rimprovero del mister. INSOFFERENTE

Mister, voto 4: all’esordio in panchina capisce quanto sia difficile il mestiere di allenatore. Sbaglia nell’impostazione della partita e non riesce a prendere le giuste contromosse. Si fa sentire poco dai suoi giocatori. NOVIZIO

Wombats, voto 4: pessimo esordio, in ritardo di condizione, soffrono gli avversari, atleticamente più preparati. Manca l’affiatamento e la sintonia tra i reparti. Si disuniscono e demoralizzano all’inizio del secondo tempo non credendoci più e rimanendo alla mercè dell’avversario che fa quello che vuole negli ultimi dieci minuti. Dovrebbero essere più grintosi e lottare su ogni pallone nonchè meno litigiosi e più disciplinati tatticamente. MAZZOLATI

Adesso non vedo l’ora di tornare sul campo con i miei amici, seguendo la partita in piedi come mia abitudine, pronto ad esultare come un bambino per un goal o per una vittoria!

 

 

Io e i Galacticos, seconda parteultima modifica: 2008-09-10T09:27:00+02:00da september23
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Io e i Galacticos, seconda parte

  1. Ciao Marco…
    perdonami se ancora non mi sono presentata, ma ho dato per scontato che lo avessi capito… mi chiamo Trofi, probabilmente e’ cosi’ strano che tutti pensano sia solo un nik.. ed a me piace giocare su questo!
    a presto e continua cosi’!

  2. è un pò che non leggevo i tuoi post…uff mancanza di tempo!non per questo mi sono fermato all’ultimo, ma me li sono riletti tutti da dove ero arrivato..e per fortuna..altrimenti non avrei potuto leggere la pagella del marino!!ahahah mamma mia mi ha fatto morire dal ridere..porello, chissà come si è impegnato (a quanto pare però con scarsi risultati)!mamma mia che ridere non hai idea! :o)))

Lascia un commento