Un nuovo anno alle porte

  Non credo che la vita si possa dividere in compartimenti stagni, gli anni, e che proceda per capitoli ma penso piuttosto sia un continuo fluire di avvenimenti, di occasioni, di sentimenti e di emozioni che ciclicamente si ripropongono o che compaiono e riappaiono fregandosene dei numeri sul calendario, della posizione delle stelle o se la luna è crescente o … Continua a leggere

Un messaggio di speranza

Più di tre mesi fa ho cominciato a scrivere su “queste pagine”. Non c’era un motivo preciso, semplicemente avevo tante cose da raccontare. L’ultimo anno è stato il peggiore della mia vita sotto molti aspetti non in senso assoluto; tutto il vissuto che stava dietro sentivo che andava raccontato soprattutto per me, per non ripetere l’errore compiuto nell’adolescenza di tenermi … Continua a leggere

Io e la politica

Circa un paio di settimane fa ho scritto che non mi sarei occupato di politica: argomento troppo spinoso e facilmente preda del qualunquismo; meglio occuparsi di cose di cui sono più competente (l’energia ad esempio) o che mi stanno veramente a cuore (la pace, il razzismo). Parlare di politica dicendo che Berlusconi è un farabutto (per usare un eufemismo) è … Continua a leggere

I bambini di Beslan

Quattro anni fa, di questi tempi, terminavo il mio lavoro di tesi. Scrissi queste parole “dedicato ai bambini di Beslan e dell’Iraq: che possano riposare in pace quelli che non sono più tra noi e che possano vivere un futuro migliore e senza guerre tutti gli altri”. Si era infatti ad un anno dall’invasione dell’Iraq da parte delle truppe di … Continua a leggere

L’odio verso i Rom: perchè?

  Circa 70 anni fa venivano introdotte le vergognose leggi razziali contro gli italiani di origine ebraica. In quel caso si trattava di discriminazione allo stato puro: si emarginavo le persone per “colpa” del loro sangue, ignorando chi fossero e cosa facessero, delinquenti o padri di famiglia. Credo che sia incontestabile che oggi gli Italiani (intendo la maggioranza di noi) … Continua a leggere

Un sereno Natale

Dopo il tour de force pre-natalizio (TAC di controllo, visita oncologica, radiografia di controllo e visita ortopedica) potrò passare un Natale sereno. Della TAC avevo già parlato: era l’esame più importante e più temuto; a posto quello ero tranquillo. Il fatto che anche la visita ortopedica sia andata bene è un’ulteriore buona notizia. A questo punto dovrei entrare in ospedale … Continua a leggere

Piccole persone di potere

In riferimento a quanto scritto la scorsa settimana (sulle banche e la loro richiesta di un parere del ministero circa la possibilità di non poter assumere persone disabili) vorrei aggiungere qualcosa. Come mi ha giustamente ricordato Luca in un suo commento si tratta di uomini piccoli. La maggior parte delle persone che conosco e la quasi totalità di quelle che … Continua a leggere

La zingarata

Ieri sera ritrovo liceale. Ho rivisto ex-compagni di classe che non vedevo da dodici anni. Alcuni li ho rivisti in tempi più recenti ma la maggior parte era dalla maturità che non la incontravo.   Mi sono stupito nel ritrovarci quasi tutti maturati, cresciuti ma non cambiati esteriormente. Non si è assistito a scene del tipo: “Scusa ma tu sei…?”. … Continua a leggere